Ciclo di vita di un virus

()

I virus informatici presentano numerose analogie con quelli biologici per quello che riguarda il ciclo di vita, che si articola nelle fasi seguenti:

Creazione. Incubazione. Infezione. Attivazione. Propagazione. Riconoscimento. Estirpazione.

creazione: è la fase in cui lo sviluppatore progetta, programma e diffonde il virus. Di solito i cracker per la – realizzazione di virus utilizzano linguaggi di programmazione a basso livello (ad esempio l’assembly) in modo da – ottenere codice virale di pochi centinaia di byte.
incubazione: il virus è presente sul computer da colpire ma non compie alcuna attività. Rimane inerte fino a quando non si verificano le condizioni per la sua attivazione;
infezione: il virus infetta il file e di conseguenza il sistema
attivazione: al verificarsi delle condizioni prestabilite dal cracker, il virus inizia l’azione dannosa.
propagazione: il virus propaga l’infezione, riproducendosi e infettando sia file nella stessa macchina che altri sistemi.
riconoscimento: l’antivirus riconosce un certo file come infetto. Tale riconoscimento può avvenire in più modi, a seconda di com’è fatto il virus e di quali algoritmi l’antivirus utilizza per la scansione del sistema e dei file che contiene. In casi particolari, se ad esempio il virus non è abbastanza diffuso, può non avvenire affatto, e quindi il virus può proliferare infettando sempre più file, e quindi diffondersi verso ulteriori PC.
estirpazione: è l’ultima fase del ciclo vitale del virus. Il virus viene eliminato dal sistema: di solito questa fase non viene eseguita direttamente dall’utente, ma da un software antivirus che cerca di fermare in qualche modo l’infezione.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?