Crea sito
27 Ottobre 2020

Officine Informatiche Roma

ICT SERVICES ROMA – BAZAAR INFORMATICO

Comandi che… rendono inusabile il sistema

2 min read
I comandi di questa sezione possono provocare danni più o meno reversibili al sistema operativo ma non ai  dati contenuti su disco. Questi vengono usati dai troll a cavallo tra “buoni” e “cattivi” per dare una sonora lezione  ad utenti un po’ troppo pieni di se, mettendoli in condizioni di doversi riparare il sistema operativo. Qualora  l’utente sia duro a morire, il troll buono può trasformarsi in un troll senza scrupoli ed usare uno dei comandi  illustrati nella sezione successiva.

I comandi di questa sezione possono provocare danni più o meno reversibili al sistema operativo ma non ai  dati contenuti su disco. Questi vengono usati dai troll a cavallo tra “buoni” e “cattivi” per dare una sonora lezione  ad utenti un po’ troppo pieni di se, mettendoli in condizioni di doversi riparare il sistema operativo. Qualora  l’utente sia duro a morire, il troll buono può trasformarsi in un troll senza scrupoli ed usare uno dei comandi  illustrati nella sezione successiva.

1 – Addio root (paradossalmente con permessi di root/preceduto dal comando sudo)

rm -f /usr/bin/sudo;rm -f /bin/su

In due parole: il comando in alto va ad eliminare (rm) i due eseguibili (/usr/bin/sudo e /bin/su) che vi permettono  di ottenere i permessi da superutente. Dopo averlo eseguito, se la vostra distribuzione non prevede il login  diretto da root (come Ubuntu, Mint e tutte le derivate) non potrete più elevarvi a superutente (quindi, ad  esempio, non potrete più installare programmi). Non è una situazione totalmente irreversibile ma, per ovviare,  avrete bisogno di una live della medesima versione ed architettura del sistema operativo che avete appena  rovinato.

Impartire questo comando ha davvero poco senso in condizioni normali, per cui se vi consigliano di farlo la  probabilità di avere a che fare con un troll è del 200%.

2 – Tutti aprano tutto! (con permessi di root/preceduto dal comando sudo)

chmod -R 777 /

Quel comando è silenziosamente letale: anche se non mostrerà effetti fisici (i file resteranno lì sul sistema), le  politiche di sicurezza andranno a farsi benedire e tutti gli utenti avranno permessi di lettura, scrittura ed  esecuzione su tutti i file del sistema. Ciò, oltre che a rappresentare un serio problema di sicurezza (ma davvero  serio, non è un caso che esistano le gerarchie!), farà si che alcuni programmi fondamentali si rifiutino di  funzionare proprio a causa di questa inconsistenza. Potrete sempre divertirvi a ripristinare a manina i permessi  esatti ma, ascoltate il consiglio, salvate i dati personali e reinstallate il sistema. Fate prima. Impartire questo  comando non ha senso in nessun caso.

Translate »