Crea sito

Officine Informatiche Roma

ICT SERVICES ROMA

Comandi Linux: aptitude

aptitude

Gestore pacchetti (Debian / Ubuntu).

Sintassi
aptitude [opzioni …] autoclean
aptitude [opzioni …] pulito
aptitude [opzioni …] dimenticare-nuovo
aptitude [opzioni …] keep-all
aptitude [opzioni …] aggiornamento
aptitude [opzioni …] aggiornamento sicuro

      aptitude [opzioni …] pacchetti log delle modifiche …
aptitude [opzioni …] pacchetti full-upgrade …
aptitude [opzioni …] pacchetti forbid-version …
aptitude [opzioni …] tieni i pacchetti …
aptitude [opzioni …] installa pacchetti …
pacchetti aptitude [opzioni …] markauto …
aptitude [opzioni …] elimina i pacchetti …
aptitude [opzioni …] reinstalla i pacchetti …
aptitude [opzioni …] rimuovi pacchetti …
aptitude [opzioni …] mostra i pacchetti …
aptitude [opzioni …] pacchetti non sospesi …
aptitude [opzioni …] pacchetti unmarkauto …
aptitude [opzioni …] pacchetti build-dep …
aptitude [opzioni …] pacchetti build-dipende …

      pacchetti di directory di output aptitude extract-cache-subset …

      aptitude [opzioni …] schemi di ricerca …

      aptitude [opzioni …] pacchetti tag add-user-tag …
aptitude [opzioni …] rimuovi tag tag utente …
aptitude [opzioni …] {why | pacchetto why-not} [patterns …]

      aptitude [-S fname] [-u | -io]

      aiuto attitudinale

Chiave
N.B. apt-get e aptitude e apt ora condividono lo stesso elenco di pacchetti installati e quindi possono essere usati in modo intercambiabile.

Sono disponibili le seguenti azioni:

       installare

           Installa uno o più pacchetti. I pacchetti dovrebbero essere elencati dopo
il comando “installa”; se il nome di un pacchetto contiene un carattere tilde
(“~”) O un punto interrogativo (“?”), Verrà trattato come una ricerca
sarà installato ogni pacchetto corrispondente al modello
(vedere la sezione “Pattern di ricerca” nel riferimento attitudinale
Manuale).

           Per selezionare una versione particolare del pacchetto, aggiungi “= <versione>”
al nome del pacchetto: ad esempio, “aptitude install apt = 0.3.1”.
Allo stesso modo, per selezionare un pacchetto da un determinato archivio, aggiungere
“/ <archive>” nel nome del pacchetto: ad esempio, “aptitude install
apt / experimental”.

           Non tutti i pacchetti elencati nella riga di comando devono essere installati;
puoi dire a aptitude di fare qualcosa di diverso con un pacchetto di
aggiungendo un “identificatore di sostituzione” al nome del pacchetto. Per
Ad esempio, aptitude remove wesnoth + installerà wesnoth, non rimuoverlo
esso. Sono disponibili i seguenti specificatori di override:

           <Package> +

               Installa <pacchetto>.

           <Package> + M
Installa <pacchetto> e contrassegnalo immediatamente come automaticamente
installato (nota che se nulla dipende da <pacchetto>, questo lo farà
fare in modo che venga immediatamente rimosso).

           <Package> –

               Rimuovere <pacchetto>.

           <Package> _
Elimina <pacchetto>: rimuoverlo e tutta la sua configurazione associata
e file di dati.

           <Package> =
Metti <pacchetto> in attesa: annulla qualsiasi installazione attiva,
aggiornare o rimuovere e impedire che questo pacchetto sia
aggiornato automaticamente in futuro.

           <Package>:

               Mantieni <pacchetto> alla versione corrente: annulla qualsiasi installazione,
rimozione o aggiornamento. A differenza di “hold” (sopra), ciò non accade
impedire gli aggiornamenti automatici in futuro.

           <Package> & M
Contrassegnare <pacchetto> come installato automaticamente.

           <Package> & m
Contrassegnare <pacchetto> come installato manualmente.

           Come caso speciale, “installa” senza argomenti agirà su nessuno
azioni memorizzate / in sospeso.

               Nota

               Dopo aver inserito Y al prompt di conferma finale, il
Il comando “installa” modificherà le informazioni memorizzate su aptitude
su quali azioni eseguire. Pertanto, se emetti (ad es.)
il comando “aptitude install foo bar” e quindi uscire da
installazione una volta che aptitude ha iniziato a scaricare e
installando i pacchetti, dovrai eseguire “aptitude remove foobar “per annullare quell’ordine.

        rimuovere, eliminare, trattenere, sbloccare, conservare, reinstallare
Questi comandi sono gli stessi di “installa”, ma applicano il nome
azione per tutti i pacchetti forniti nella riga di comando per cui è
non ignorato. La differenza tra hold e keep è quella hold

           farà sì che un pacchetto venga ignorato da futuri aggiornamenti sicuri o
comandi di aggiornamento completo, mentre keep annulla semplicemente qualsiasi programma
azioni sul pacchetto. Unhold consentirà di aggiornare un pacchetto
da futuri comandi di aggiornamento sicuro o completo, senza altrimenti
alterandone lo stato.

           Ad esempio, “aptitude remove ‘~ ndeit

build-dipende, build-dep

           Soddisfa le dipendenze di build di un pacchetto. Ogni nome del pacchetto può
essere un pacchetto sorgente, nel qual caso le dipendenze build di quello
pacchetto sorgente installato; in caso contrario, vengono trovati pacchetti binari
allo stesso modo del comando “installa”, e il
dipendenze di build dei pacchetti di origine che creano tali file binari
i pacchetti sono soddisfatti.

           Se il parametro della riga di comando –arch-only è presente, solo
dipendenze di build dipendenti dall’architettura (ovvero no
Build-Depends-Indep o Build-Conflicts-Indep) saranno rispettati.

       proibire-versione
Vieta l’aggiornamento di un pacchetto a una versione particolare. Questo
impedirà a aptitude di aggiornarsi automaticamente a questa versione,
ma consentirà aggiornamenti automatici alle versioni future. Di default,
aptitude selezionerà la versione in cui verrebbe il pacchetto
normalmente aggiornato; puoi ignorare questa selezione aggiungendo
“= <versione>” al nome del pacchetto: ad esempio “aptitude

           versione proibita vim = 1.2.3.broken-4 ”.

           Questo comando è utile per evitare versioni rotte dei pacchetti
senza dover impostare e cancellare le prese manuali. Se ti decidi
dopo tutto, voglio davvero la versione proibita, il comando “installa”
rimuoverà il divieto.

       upgrade
Aggiorna l’elenco dei pacchetti disponibili dalle fonti apt (questo
è equivalente a “apt-get update”)

       safe-upgrade

           Aggiorna i pacchetti installati alla versione più recente. installato
i pacchetti non saranno rimossi a meno che non siano inutilizzati (consultare il
sezione “Gestione dei pacchetti installati automaticamente” in aptitude
manuale di riferimento). I pacchetti che non sono attualmente installati possono
essere installato per risolvere le dipendenze a meno che –no-new-installs
viene fornita l’opzione della riga di comando.

           Talvolta è necessario rimuovere un pacchetto per l’aggiornamento
un altro; questo comando non è in grado di aggiornare i pacchetti in tale
situazioni. Utilizzare il comando full-upgrade per aggiornare il maggior numero possibile
pacchetti possibili.

       full-aggiornamento
Aggiorna i pacchetti installati alla loro versione più recente, rimuovendoli
o l’installazione di pacchetti se necessario. Questo comando è inferiore
conservativo rispetto all’aggiornamento sicuro e quindi più probabile da eseguire
azioni indesiderate. Tuttavia, è in grado di aggiornare i pacchetti
l’aggiornamento sicuro non può essere aggiornato.

               Nota

               Questo comando era originariamente chiamato dist-upgrade per storico
ragioni e aptitude riconosce ancora dist-upgrade come a
sinonimo di upgrade completo.

           get all

           Annulla tutte le azioni programmate su tutti i pacchetti; tutti i pacchetti di cui
lo stato appiccicoso indica una volontà di installazione, rimozione o aggiornamento
far cancellare questo stato appiccicoso.

       forget-new

           Elimina tutte le informazioni interne su quali pacchetti sono “nuovi”
(equivalente a premere “f” in modalità visiva).

       ricerca
Cerca pacchetti corrispondenti a uno dei modelli forniti sul
riga di comando. Tutti i pacchetti che corrispondono a uno dei modelli indicati
sarà mostrato; per esempio, “aptitude search ‘~ N’ edit” lo farà
elenca tutti i “nuovi” pacchetti e tutti i pacchetti il ??cui nome contiene
“modificare”. Per ulteriori informazioni sui modelli di ricerca, consultare la sezione
“Pattern di ricerca” nel manuale di riferimento di aptitude.

           A meno che non passi l’opzione -F, l’output della ricerca attitudinale lo farà
assomigliare a questo:

               i apt – Front-end avanzato per dpkg
pi apt-build – frontend per apt per costruire, ottimizzare e in
cp apt-file – Utilità di ricerca pacchetti APT – comando-
ihA raptor-utils – Utilità parser RDF Parser

           Ogni risultato di ricerca è elencato su una riga separata. Il primo
il carattere di ciascuna riga indica lo stato corrente del pacchetto:
gli stati più comuni sono p, il che significa che nessuna traccia del pacchetto
esiste sul sistema, c, il che significa che il pacchetto è stato eliminato ma
i suoi file di configurazione rimangono sul sistema, i, il che significa che il file
il pacchetto è installato e v, il che significa che il pacchetto è virtuale.
Il secondo personaggio indica l’azione memorizzata (se presente; altrimenti
viene visualizzato uno spazio vuoto) da eseguire sul pacchetto, con
le azioni più comuni sono i, nel senso che il pacchetto sarà
installato, d, il che significa che il pacchetto verrà eliminato, e p,
nel senso che il pacchetto e i suoi file di configurazione saranno
rimosso

add-user-tag, remove-user-tag

Adds a user tag to or removes a user tag from the selected group of
packages. If a package name contains a tilde (“~”) or question mark
(“?”), it is treated as a search pattern and the tag is added to or
removed from all the packages that match the pattern (see the
section “Search Patterns” in the aptitude reference manual).

User tags are arbitrary strings associated with a package. They can
be used with the ?user-tag(<tag>) search term, which will select
all the packages that have a user tag matching <tag>.

why, why-not

Explains the reason that a particular package should or cannot be
installed on the system.

This command searches for packages that require or conflict with
the given package. It displays a sequence of dependencies leading
to the target package, along with a note indicating the installed
state of each package in the dependency chain:

$ aptitude why kdepim
i nautilus-data Recommends nautilus
i A nautilus Recommends desktop-base (>= 0.2)
i A desktop-base Suggests gnome | kde | xfce4 | wmaker
p kde Depends kdepim (>= 4:3.4.3)

The command why finds a dependency chain that installs the package
named on the command line, as above. Note that the dependency that
aptitude produced in this case is only a suggestion. This is
because no package currently installed on this computer depends on
or recommends the kdepim package; if a stronger dependency were
available, aptitude would have displayed it.

In contrast, why-not finds a dependency chain leading to a conflict
with the target package:

$ aptitude why-not textopo
i ocaml-core Depends ocamlweb
i A ocamlweb Depends tetex-extra | texlive-latex-extra
i A texlive-latex-extra Conflicts textopo

If one or more <pattern>s are present, then aptitude will begin its
search at these patterns; that is, the first package in the chain
it prints will be a package matching the pattern in question. The
patterns are considered to be package names unless they contain a
tilde character (“~”) or a question mark (“?”), in which case they
are treated as search patterns (see the section “Search Patterns”
in the aptitude reference manual).

If no patterns are present, then aptitude will search for
dependency chains beginning at manually installed packages. This
effectively shows the packages that have caused or would cause a
given package to be installed.

Note

aptitude why does not perform full dependency resolution; it
only displays direct relationships between packages. For
instance, if A requires B, C requires D, and B and C conflict,
“aptitude why-not D” will not produce the answer “A depends on
B, B conflicts with C, and D depends on C”.
By default aptitude outputs only the “most installed, strongest,
tightest, shortest” dependency chain. That is, it looks for a chain
that only contains packages which are installed or will be
installed; it looks for the strongest possible dependencies under
that restriction; it looks for chains that avoid ORed dependencies
and Provides; and it looks for the shortest dependency chain
meeting those criteria. These rules are progressively weakened
until a match is found.

If the verbosity level is 1 or more, then all the explanations
aptitude can find will be displayed, in inverse order of relevance.
If the verbosity level is 2 or more, a truly excessive amount of
debugging information will be printed to standard output.

This command returns 0 if successful, 1 if no explanation could be
constructed, and -1 if an error occured.

clean

Removes all previously downloaded .deb files from the package cache
directory (usually /var/cache/apt/archives).

autoclean
Removes any cached packages which can no longer be downloaded. This
allows you to prevent a cache from growing out of control over time
without completely emptying it.

changelog
Downloads and displays the Debian changelog for each of the given
source or binary packages.

By default, the changelog for the version which would be installed
with “aptitude install” is downloaded. You can select a particular
version of a package by
5000/5000
Limite di caratteri: 5000
aggiungi-tag-utente, rimuovi-tag-utente

Aggiunge un tag utente o rimuove un tag utente dal gruppo selezionato di
pacchi. Se il nome di un pacchetto contiene una tilde (“~”) o un punto interrogativo
(“?”), Viene trattato come un modello di ricerca e il tag viene aggiunto a o
rimosso da tutti i pacchetti che corrispondono al modello (vedere il
sezione “Pattern di ricerca” nel manuale di riferimento di aptitude).

I tag utente sono stringhe arbitrarie associate a un pacchetto. Loro possono
essere utilizzato con il termine di ricerca? user-tag (<tag>), che selezionerà
tutti i pacchetti che hanno un tag utente corrispondente a <tag>.

why – why not

Spiega il motivo per cui un determinato pacchetto dovrebbe o non può essere
installato sul sistema.

Questo comando cerca i pacchetti che richiedono o sono in conflitto
il pacchetto indicato. Visualizza una sequenza di dipendenze iniziali
al pacchetto di destinazione, insieme a una nota che indica l’installazione
stato di ciascun pacchetto nella catena di dipendenze:

$ aptitude perché kdepim
i nautilus-data Raccomanda nautilus
i A nautilus consiglia desktop-base (> = 0.2)
i Una base desktop Suggerisce gnome | kde | xfce4 | wmaker
p kde Dipende da kdepim (> = 4: 3.4.3)

Il comando perché trova una catena di dipendenze che installa il pacchetto
chiamato sulla riga di comando, come sopra. Si noti che la dipendenza che
l’attitudine prodotta in questo caso è solo un suggerimento. Questo è
perché nessun pacchetto attualmente installato su questo computer dipende
o raccomanda il pacchetto kdepim; se fosse una dipendenza più forte
disponibile, aptitude lo avrebbe visualizzato.

Al contrario, il perché non trova una catena di dipendenze che porta a un conflitto
con il pacchetto target:

$ aptitude why-not textopo
i ocaml-core Dipende ocamlweb
i A ocamlweb Dipende dal tetex-extra | texlive-latex-extra
i A texlive-latex-extra Textopo dei conflitti

Se sono presenti uno o più <pattern>, l’attitudine inizierà
cerca questi schemi; cioè il primo pacchetto della catena
stampa sarà un pacchetto corrispondente al modello in questione. Il
i pattern sono considerati nomi di pacchetti a meno che non contengano a
carattere tilde (“~”) o un punto interrogativo (“?”), nel qual caso essi
sono trattati come modelli di ricerca (vedere la sezione “Modelli di ricerca”
nel manuale di riferimento aptitude).

Se non sono presenti schemi, aptitude cercherà
catene di dipendenze che iniziano con i pacchetti installati manualmente. Questo
mostra efficacemente i pacchetti che hanno causato o causerebbero a
pacchetto dato da installare.

Nota

attitudine perché non esegue la risoluzione completa delle dipendenze; esso
visualizza solo le relazioni dirette tra i pacchetti. Per
ad esempio, se A richiede B, C richiede D e il conflitto B e C,
“Aptitude why-not D” non produrrà la risposta “A dipende da
B, B è in conflitto con C e D dipende da C ”.
Per impostazione predefinita, aptitude genera solo il “più installato, il più potente,
catena di dipendenza più stretta, più corta. Cioè, cerca una catena
che contiene solo pacchetti installati o che saranno
installato; cerca le dipendenze più forti possibili sotto
tale restrizione; cerca catene che evitano le dipendenze ORed
e fornisce; e cerca la catena di dipendenza più breve
soddisfare tali criteri. Queste regole vengono progressivamente indebolite
fino a quando non viene trovata una corrispondenza.

Se il livello di verbosità è 1 o più, quindi tutte le spiegazioni
aptitude can find verrà visualizzato, in ordine inverso di rilevanza.
Se il livello di verbosità è 2 o più, una quantità davvero eccessiva di
le informazioni di debug verranno stampate sullo standard output.

Questo comando restituisce 0 se ha esito positivo, 1 se non è possibile fornire alcuna spiegazione
costruito e -1 se si è verificato un errore.

clean

Rimuove tutti i file .deb precedentemente scaricati dalla cache del pacchetto
directory (di solito / var / cache / apt / archives).

autoclean
Rimuove tutti i pacchetti memorizzati nella cache che non possono più essere scaricati. Questo
consente di impedire che una cache cresca senza controllo nel tempo
senza svuotarlo completamente.

changelog
Scarica e visualizza il log delle modifiche Debian per ciascuno dei dati
pacchetti sorgente o binari.

           Per impostazione predefinita, il log delle modifiche per la versione che verrebbe installata
con “aptitude install” viene scaricato. Puoi selezionare un particolare
versione di un pacchetto aggiungendo = <versione> al nome del pacchetto;
puoi selezionare la versione da un determinato archivio aggiungendo
/ <archive> nel nome del pacchetto.

       Scarica

           Scarica il file .deb per il pacchetto specificato nell’attuale
directory. Se il nome di un pacchetto contiene un carattere tilde (“~”) o a
punto interrogativo (“?”), verrà trattato come un modello di ricerca e tutto il resto
i pacchetti corrispondenti verranno scaricati (vedere la sezione “Cerca
Patterns ”nel manuale di riferimento di aptitude).

           Per impostazione predefinita, la versione che verrebbe installata con “aptitude
installa “viene scaricato. È possibile selezionare una versione particolare di a
pacchetto aggiungendo = <versione> al nome del pacchetto; puoi selezionare
la versione da un determinato archivio aggiungendo / <archive> a
il nome del pacchetto.

       estratto-cache-sottoinsieme

           Copia la directory di configurazione di apt (/ etc / apt) e un sottoinsieme di
pacchetto del database nella directory specificata. Se non ci sono pacchetti
elencato, viene copiato l’intero database del pacchetto; altrimenti solo il
le voci corrispondenti ai pacchetti denominati vengono copiate. Ogni
il nome del pacchetto può essere un modello di ricerca e tutti i pacchetti corrispondenti
quel modello verrà selezionato (vedere la sezione “Cerca modelli” in
il manuale di riferimento attitudinale). Qualsiasi file di database del pacchetto esistente
nella directory di output verrà sovrascritto.

           Le dipendenze nelle stanze del pacchetto binario verranno riscritte per rimuoverle
riferimenti a pacchetti non nel set selezionato.

       Aiuto
Visualizza un breve riepilogo dei comandi e delle opzioni disponibili.

OPZIONI

       Le seguenti opzioni possono essere utilizzate per modificare il comportamento delle azioni
descritto sopra. Si noti che mentre tutte le opzioni saranno accettate per tutti
comandi, alcune opzioni non si applicano a comandi particolari e lo saranno
ignorato da quei comandi.

       –add-user-tag <tag>

           Per l’aggiornamento completo, l’aggiornamento sicuro, la versione vietata, la sospensione, l’installazione,
keep-all, markauto, unmarkauto, purge, reinstall, remove, unhold,
e unmarkauto: aggiungi il tag utente <tag> a tutti i pacchetti che lo sono
installato, rimosso o aggiornato da questo comando come se con
comando add-user-tag.

       –add-user-tag-to <tag>, <pattern>

           Per l’aggiornamento completo, la versione vietata per l’aggiornamento sicuro, tieni premuto, installa,
keep-all, markauto, unmarkauto, purge, reinstall, remove, unhold,
e unmarkauto: aggiungi il tag utente <tag> a tutti i pacchetti corrispondenti
<pattern> come se con il comando add-user-tag. Il modello è a
modello di ricerca come descritto nella sezione “Modelli di ricerca” in
manuale di riferimento aptitude.

           Ad esempio, aptitude safe-upgrade –add-user-tag-to

           “new-installs,? action (install)” aggiungerà il tag new-installs
tutti i pacchetti installati dal comando safe-upgrade.

       –allow-nuovi-upgrades
Quando viene utilizzato il resolver sicuro (ovvero, è stato risolto il problema – resolver sicuro
superato o Aptitude :: Always-Use-Safe-Resolver è impostato su true), consentire
il risolutore di dipendenze per installare gli aggiornamenti per i pacchetti a prescindere
del valore di Aptitude :: Safe-Resolver :: No-New-Upgrade.

       –allow-nuovi-installazioni

           Consenti al comando di aggiornamento sicuro di installare nuovi pacchetti; quando il
è in uso il risolutore sicuro (ovvero, è stato superato il risolutore sicuro o
Aptitude :: Always-Use-Safe-Resolver è impostato su true), consentire a
risolutore di dipendenze per installare nuovi pacchetti. Questa opzione richiede
effetto indipendentemente dal valore di
Aptitude :: Safe-Resolver :: No-New-installazioni.

       –allow-non attendibile

           Installa i pacchetti da fonti non attendibili senza richiedere conferma. tu
dovresti usarlo solo se sai cosa stai facendo, come potrebbe
compromettere facilmente la sicurezza del sistema.

       –disable-colonne
Questa opzione fa sì che la ricerca aptitude produca i suoi risultati senza
qualsiasi formattazione speciale. In particolare: normalmente attitudine aggiungerà
spazi bianchi o troncare i risultati della ricerca nel tentativo di adattarlo
si traduce in “colonne” verticali. Con questa bandiera, ogni riga sarà
formato sostituendo qualsiasi escape di formato nella stringa di formato con
il testo corrispondente; le larghezze di colonna verranno ignorate.

           Ad esempio, le prime poche righe di output da “ricerca attitudinale

           -F ‘% p% V’ –disable-colonne libedataserver “potrebbe essere:

               disksearch 1.2.1-3
hp-search-mac 0.1.3
libbsearch-ruby 1.5-5
libbsearch-ruby1.8 1.5-5
libclass-dbi-abstractsearch-perl 0,07-2
libdbix-fulltextsearch-perl 0.73-10

           Come nell’esempio sopra, –disable-colonne è spesso utile in
combinazione con un formato di visualizzazione personalizzato impostato utilizzando la riga di comando
opzione -F.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: disable-colonne.

       -D, –show-deps

           Per i comandi che installeranno o rimuoveranno i pacchetti (installa,
aggiornamento completo, ecc.), mostra brevi spiegazioni di automatico
installazioni e traslochi.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Show-Deps.

       -d, –download-only
Scarica i pacchetti nella cache dei pacchetti, se necessario, ma non
installa o rimuovi qualsiasi cosa. Per impostazione predefinita, la cache del pacchetto è memorizzata
in / var / cache / apt / archives.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: solo download.

       -F <formato>, – formato di visualizzazione <formato>

           Specificare il formato da utilizzare per visualizzare l’output dal file
comando di ricerca. Ad esempio, passare “% p% V% v” per <formato> lo farà
visualizza il nome di un pacchetto, seguito dal suo attualmente installato
versione e la sua versione disponibile (vedere la sezione “Personalizzazione di come
i pacchetti vengono visualizzati ”nel manuale di riferimento di aptitude per ulteriori informazioni
informazione).

           L’opzione da riga di comando –disable-colonne è spesso utile in
combinazione con -F.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Package-Display-Format.

-f

           Cerca di risolvere le dipendenze dei pacchetti rotti, anche se
significa ignorare le azioni richieste sulla riga di comando.

           Questo corrisponde all’elemento di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Fix-rotto.

       –full-resolver
Quando si verificano problemi di dipendenza del pacchetto, utilizzare l’impostazione predefinita
Risolutore “completo” per risolverli. A differenza del resolver “sicuro” attivato
con –safe-resolver, il resolver completo rimuoverà felicemente i pacchetti
per soddisfare le dipendenze. Può risolvere più situazioni di
algoritmo sicuro, ma le sue soluzioni hanno maggiori probabilità di essere
indesiderabile.

           Questa opzione può essere utilizzata per forzare anche l’uso del resolver completo
quando Aptitude :: Always-Use-Safe-Resolver è vero. L’aggiornamento sicuro
Il comando non usa mai il resolver completo e non accetta il
–full-resolver opzione.

       -h, –help

           Visualizza un breve messaggio di aiuto. Identico all’azione di aiuto.

       –no-nuovi-installazioni
Impedire l’aggiornamento sicuro dall’installazione di nuovi pacchetti; quando il
è in uso il risolutore sicuro (ovvero, è stato superato il risolutore sicuro o
Aptitude :: Always-Use-Safe-Resolver è impostato su true), vietare il
risolutore di dipendenze dall’installazione di nuovi pacchetti. Questa opzione richiede
effetto indipendentemente dal valore di
Aptitude :: Safe-Resolver :: No-New-installazioni.

           Questo imita il comportamento storico di apt-get upgrade.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: safe-upgrade :: No-New-installazioni.

       –no-nuovi-upgrades

           Quando viene utilizzato il resolver sicuro (ovvero, è stato risolto il problema – resolver sicuro
superato o Aptitude :: Always-Use-Safe-Resolver è impostato su true), consentire
il risolutore di dipendenze per installare nuovi pacchetti indipendentemente da
valore di Aptitude :: Safe-Resolver :: No-New-Install.

       -O <ordine>, – ordina <ordine>

           Specifica l’ordine in cui dovrebbe essere l’output del comando di ricerca
visualizzato. Ad esempio, passare “installsize” per <ordine> sarà
elenca i pacchetti in ordine secondo la loro dimensione quando installato (vedi
la sezione “Personalizzazione della modalità di ordinamento dei pacchetti” in aptitude
manuale di riferimento per maggiori informazioni).

       -o <key> = <valore>

           Imposta direttamente un’opzione del file di configurazione; per esempio, usa -o
Aptitude :: Log = / tmp / my-log per registrare le azioni di aptitude su / tmp / my-log.
Per ulteriori informazioni sulle opzioni del file di configurazione, consultare la sezione
“Riferimento al file di configurazione” nel manuale di riferimento di aptitude.
-P, –prompt

           Visualizza sempre un prompt prima di scaricare, installare o rimuovere
pacchetti, anche quando non vi sono azioni diverse da quelle esplicitamente
richiesto verrà eseguito.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Always-Prompt.

       –purge-inutilizzato
Eliminare i pacchetti che non sono più richiesti da nessuno installato
pacchetto. Ciò equivale a passare “-o
Aptitude :: Purge-Unused = true ”come argomento della riga di comando.

       -q [= <n>], –quiet [= <n>]
Sopprimere tutti gli indicatori di progresso incrementali, rendendo così il
output registrabile. Questo può essere fornito più volte per rendere il
programma più silenzioso, ma a differenza di apt-get, aptitude non abilita -y

           quando -q viene fornito più di una volta.

           L’opzione = <n> può essere utilizzata per impostare direttamente la quantità di
silenziosità (ad esempio, per sovrascrivere un’impostazione
/etc/apt/apt.conf); fa sì che il programma si comporti come se avesse -q
stato passato esattamente <n> volte.

       -R, – senza-consiglia

           Non considerare i consigli come dipendenze quando si installa nuovo
pacchetti (questo sovrascrive le impostazioni in /etc/apt/apt.conf e
~ / .Aptitude / config). Pacchetti precedentemente installati a causa di
i consigli non verranno rimossi.

           Ciò corrisponde alla coppia di opzioni di configurazione
Apt :: Installa-Raccomanda e Aptitude :: Mantieni-Raccomanda.

       -r, –with-raccomanda
Considera i consigli come dipendenze quando installi nuovi pacchetti
(questo sovrascrive le impostazioni in /etc/apt/apt.conf e
~ / .Aptitude / config).

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Apt :: Install-Raccomanda

       –remove-user-tag <tag>
Per l’aggiornamento completo, la versione vietata per l’aggiornamento sicuro, tieni premuto, installa,
keep-all, markauto, unmarkauto, purge, reinstall, remove, unhold,
e unmarkauto: rimuove il tag utente <tag> da tutti i pacchetti che
vengono installati, rimossi o aggiornati da questo comando come se con
comando add-user-tag.

       –remove-user-tag-da <tag>, <pattern>

           Per l’aggiornamento completo, la versione vietata per l’aggiornamento sicuro, tieni premuto, installa,
keep-all, markauto, unmarkauto, purge, reinstall, remove, unhold,
e unmarkauto: rimuove il tag utente <tag> da tutti i pacchetti che
abbina <pattern> come se con il comando remove-user-tag. Il modello
è un modello di ricerca come descritto nella sezione “Modelli di ricerca”
nel manuale di riferimento aptitude.

           Ad esempio, aptitude safe-upgrade –remove-user-tag-from

           “non aggiornato,? action (upgrade)” rimuoverà il tag non aggiornato
da tutti i pacchetti che il comando safe-upgrade è in grado di aggiornare.

       -s, –simulate
In modalità riga di comando, stampa le azioni che sarebbero normalmente
eseguito, ma in realtà non li eseguono. Questo non richiede
privilegi di root. Nell’interfaccia visiva, aprire sempre la cache in
modalità di sola lettura indipendentemente dal fatto che tu sia root.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione Aptitude :: Simulate.

       –safe-resolver

           Quando si verificano problemi di dipendenza del pacchetto, utilizzare un “sicuro”
algoritmo per risolverli. Questo resolver tenta di preservarne altrettanti
delle tue scelte il più possibile; non rimuoverà mai un pacchetto o
installa una versione di un pacchetto diversa da quella predefinita del pacchetto
versione candidata. È lo stesso algoritmo utilizzato nell’aggiornamento sicuro;
infatti, aptitude –safe-resolver full-upgrade è equivalente a
aptitude aggiornamento sicuro. Perché l’aggiornamento sicuro utilizza sempre la cassaforte
resolver, non accetta il flag –safe-resolver.

           Questa opzione equivale a impostare la variabile di configurazione
Aptitude :: Always-Use-Safe-Resolver su true.

       –schedule-only

           Per i comandi che modificano gli stati del pacchetto, pianificare le operazioni
eseguito in futuro, ma non eseguirli. Puoi eseguire
azioni pianificate eseguendo aptitude install senza argomenti.
Ciò equivale a effettuare le selezioni corrispondenti in visivo
modalità, quindi uscire normalmente dal programma.

           Ad esempio, aptitude –schedule installerà solo l’evoluzione
pianificare il pacchetto di evoluzione per l’installazione successiva.

      -t <release>, –target-release <release>

           Imposta la versione da cui installare i pacchetti. Per
ad esempio, “aptitude -t sperimentale …” installerà i pacchetti
dalla distribuzione sperimentale se non diversamente specificato.
Per le azioni della riga di comando “log delle modifiche”, “download” e “show”,
questo equivale ad aggiungere / <release> a ciascun pacchetto nominato
la riga di comando; per altri comandi, ciò influirà sul valore predefinito
versione candidata dei pacchetti secondo le regole descritte in
apt_preferences (5).

           Ciò corrisponde alla voce di configurazione APT :: Default-Release.

       -V, versioni -show

           Mostra quali versioni dei pacchetti verranno installate.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: show-versions.

       -v, –verbose
Fa sì che alcuni comandi (ad esempio show) visualizzino extra
informazione. Questo può essere fornito più volte per ottenere di più e
maggiori informazioni.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Verbose.

       –versione
Mostra la versione di aptitude e alcune informazioni su come
è stato compilato.

       –visual-preview

           Quando si installano o rimuovono pacchetti dalla riga di comando, invece
di visualizzare il solito prompt, avviare l’interfaccia visiva e
visualizza la sua schermata di anteprima.

       -W, –show-why
Nell’anteprima visualizzata prima che i pacchetti vengano installati o rimossi,
mostra quale pacchetto installato manualmente richiede ciascuno di essi automaticamente
pacchetto installato. Per esempio:

               $ aptitude –show-why install mediawiki

Verranno installati i seguenti NUOVI pacchetti:
libapache2-mod-php5 {a} (per mediawiki) mediawiki php5 {a} (per mediawiki)
php5-cli {a} (per mediawiki) php5-common {a} (per mediawiki)
php5-mysql {a} (per mediawiki)

           Se combinato con -v o un valore diverso da zero per
Aptitude :: CmdLine :: Verbose, visualizza l’intera catena di
dipendenze che portano all’installazione di ciascun pacchetto. Per esempio:

               $ aptitude -v –show-why install libdb4.2-dev
Verranno installati i seguenti NUOVI pacchetti:
libdb4.2 {a} (libdb4.2-dev D: libdb4.2) libdb4.2-dev
I seguenti pacchetti saranno RIMOSSI:
libdb4.4-dev {a} (libdb4.2-dev C: libdb-dev P <- libdb-dev)

           Questa opzione descriverà anche perché i pacchetti vengono rimossi, come
sopra indicato. In questo esempio, libdb4.2-dev è in conflitto con
libdb-dev, fornito da libdb-dev.

           Questo argomento corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Show-Why e visualizza le stesse informazioni che
è calcolato da aptitude why e aptitude why-not.

       -w <width>, –width <width>

           Specificare la larghezza di visualizzazione che dovrebbe essere utilizzata per l’output da
comando di ricerca (per impostazione predefinita, viene utilizzata la larghezza del terminale).

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Package-Display-Width

       -y, –assume-si
Quando viene presentato un prompt sì / no, supponiamo che l’utente
inserito “sì”. In particolare, elimina il prompt visualizzato
durante l’installazione, l’aggiornamento o la rimozione di pacchetti. Richiede
Lo faranno azioni “pericolose”, come la rimozione di pacchetti essenziali
essere ancora visualizzato. Questa opzione ignora -P.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Si supponga-Sì.
-Z

           Mostra la quantità di spazio su disco che verrà utilizzata o liberata dall’individuo
pacchetti installati, aggiornati o rimossi.

           Ciò corrisponde all’opzione di configurazione
Aptitude :: CmdLine :: Show-Size-Changes.

       Le seguenti opzioni si applicano alla modalità visiva del programma, ma lo sono
principalmente per uso interno; in genere non è necessario utilizzarli
te stesso.

       -io
Visualizza un’anteprima di download all’avvio del programma (equivalente a
avviare il programma e premere immediatamente “g”). Non puoi usare
questa opzione e “-u” allo stesso tempo.

       -S <nome>
Carica le informazioni sullo stato esteso da <fname> anziché da
file di stato standard.

       -u

           Inizia l’aggiornamento degli elenchi di pacchetti non appena si avvia il programma.
Non è possibile utilizzare questa opzione e -i contemporaneamente.
AMBIENTE

       HOME
Se esiste $ HOME / .aptitude, aptitude memorizzerà la sua configurazione
file in $ HOME / .aptitude / config. Altrimenti, cercherà
home directory dell’utente corrente usando getpwuid (2) e posiziona la sua
file di configurazione lì.

       PAGER
Se questa variabile di ambiente è impostata, aptitude la utilizzerà
mostra i log delle modifiche quando viene invocato il “log delle modifiche attitudinali”. Altrimenti
impostato, il valore predefinito è more

       TMP

           Se TMPDIR non è impostato, aptitude memorizzerà i suoi file temporanei in TMP
se quella variabile è impostata. Altrimenti, li memorizzerà in / tmp.

       TMPDIR

           aptitude memorizzerà i suoi file temporanei nella directory indicata
da questa variabile d’ambiente. Se TMPDIR non è impostato, TMP lo farà
essere utilizzato; se anche TMP non è impostato, aptitude utilizzerà / tmp.
FILE

       / Var / lib / aptitude / pkgstates
Il file in cui si trovano gli stati dei pacchetti memorizzati e alcuni flag dei pacchetti
immagazzinato.

       /etc/apt/apt.conf, /etc/apt/apt.conf.d/*, ~ / .aptitude / config
I file di configurazione per aptitude. ~ / .aptitude / config override
/etc/apt/apt.conf. Vedi apt.conf (5) per la documentazione del formato
e contenuto di questi file.

Translate »
×

Benvenuto !

Fai clic su uno dei nostri specialisti elencati di seguito per avviare una chat di supporto su WhatsApp o inviaci un'e-mail a helpdesk [email protected]

You are Wellcome !

Click one of our helpdesk specialist below to start a chat on WhatsApp or send us an email to [email protected]

 

× HELPDESK