Cos’è una VPN

9 / 100
()

VPN è l’acronimo della frase inglese Virtual Private Network, cioè “rete privata virtuale” e descrive una tecnica che, grazie a un particolare sistema chiamato tunneling, permette sia di rendere invisibili le proprie attività in Rete a occhi non autorizzati (ad esempio i criminali informatici o gli organi governativi di censura) sia di mascherare l’indirizzo IP da cui si accede a Internet.

Tale risultato viene ottenuto creando, tra i computer coinvolti, una vera e propria rete privata, accessibile soltanto a utenti autorizzati. Tale rete è virtuale, cioè creata sfruttando il mezzo di comunicazione Internet e non un insieme di cavi o altri sistemi fisici (cosa che, invece, succede con le classiche reti casalinghe). Come ti ho già accennato in precedenza, esistono diversi scenari che prevedono l’utilizzo di una VPN, di conseguenza questo tipo di rete può essere “costruito” in modo differente a seconda del caso in cui si renda necessario usufruirne. Per intenderci, puoi distinguere le VPN in due grosse categorie di impiego.

  • VPN hub-and-spokes, che vengono usate per collegare i vari nodi della rete (computer, smartphone, tablet ecc.) a una “sede centrale” (il server VPN). La “sede centrale” si occupa di proteggere il traffico e smistarlo tra i nodi collegati. Solitamente questo tipo di VPN è usato per le attività di camuffamento IP e protezione dei dati su connessioni non protette.
  • VPN site-to-site che, invece, trova tipicamente impiego nel collegamento di due o più reti private differenti (sia per struttura che per posizione) attraverso una connessione sicura, usando un canale non sicuro (Internet). Questo approccio viene usato spesso in ambito aziendale, per permettere lo scambio sicuro di dati e informazioni tra due o più sedi dislocate della stessa società.

Anche per quanto riguarda la sicurezza, le VPN possono essere strutturate con caratteristiche differenti. Per esempio, in quelle che si definiscono Trusted VPN, è il gestore di servizi a decidere e ottimizzare il percorso dei dati (dando dunque un occhio di riguardo alla qualità della comunicazione), occupandosi con i mezzi disponibili di impedire l’accesso a utenti non autorizzati. Ciò garantisce che i dati arrivino rapidamente a destinazione, ma non offre sicurezza assoluta sulla protezione di essi.

A causa di questa carenza di sicurezza, con l’avanzare della diffusione di Internet, si è reso necessario applicare delle misure aggiuntive. Sono dunque nate le Secure VPN, le reti private virtuali che garantiscono la protezione dei dati attraverso la creazione di un tunnel fra i due nodi della rete. Questo meccanismo, però, non può garantire che il percorso dei dati sia ottimale: è per questa ragione che, ad oggi, la tipologia di VPN più usata è un “misto” tra le due menzionate poc’anzi. Questo mix viene definito Hybrid VPN e permette di avere delle VPN che uniscono la rapidità di comunicazione offerta dalle Trusted VPN alla sicurezza garantita dalla tecnologia di tunneling usata nelle Secure VPN.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?