Il comando apt

()

Piu’ volte vi troverete a usare un gestore di pacchetti come apt che gestisce anche le dipendenze. Ma come funziona apt ?
I primi comandi che vediamo sono:

[email protected]: -/Scaricati/# apt-cache

Ci permette di eseguire query sui pacchetti, ad esempio apt-cache search pdf per cercare un buon programma per i programmi pdf
Verra’ mostrato un elenco di programmi che possiede nel titolo e nella descrizione il tag pdf

Eravamo abituati a strumenti come aptitude per velocizzare e semplificare l’utilizzo di apt-get,
apt-install, apt-cache, apt-surge, con gli aggiornamenti alla versione 5.0 aptitude e’ sato rimosso e d e’ subentrato apt. Semplicemente apt.
Se diamo a vuoto questo comendo, fornisce indicazione che e’ un comendo di interfaccia per la riga di comando apt.Tutto quello che faceva aptitude lo fa adesso apt.

I comandi di base sono

List: elenca i pacchetti in base al nome
search: Cerca tra le descrizioni dei pacchetti
show: Mostra i dettagli di un pacchetto
update: aggiorna l’elenco dei pacchetti disponibili
install: Installa i pacchetti
remove: Rimuove i pacchetti
upgrade: Esegue l’avanzamento di versione del sistema installando e aggiornando i pacchetti
full – upgrade: Esegue l’avanzamento di versione del sistema rimuovendo installando e aggiornando i pacchetti
edit sources: Modifica il file sulle informazioni delle sorgenti

Tornando al comando apt : show
Questo mostra il pacchetto La sorgente – la versione- la grandezza del pacchetto- Il manteiner – le dipendenze- L’homepage…

Il comando apt update
Aggiorna l’elenco dei pacchetti installabili ovvero il repository

Per tutte le informazioni aggiuntive basta digitare man apt e si visualizza l’intero manuale sul comando.

——————-

il comando ci permette di fare molto di piu’ad esempio visualizzare le statistiche sulla cahe dei pacchetti con il comando:

[email protected]: -/Scaricati/# apt-cache stats

Oppure visualizzare quali dipendenze non sono soddisfatte

[email protected]: -/Scaricati/# apt-cache unmet

Posso cercare anche tutti i pacchetti con un certo nome

[email protected]: -/Scaricati/# apt-cache pkgnames pdf

Detto questo apt utilizza delle repository, ovvero delle sorgenti on line da cui scaricare i pacchetti, per fornirci tutto il necessario e le annesse dipendenze di ogni singolo pacchetto
Possiamo altresi visualizzare quali repository sono in uso nel nostro sistema, aggiungere o rimuovere andando a modificare il file /etc/apt/sources.list

Cosi:

[email protected]: -/Scaricati/# vi /etc/apt/sources.list

apt scarica da questa repository, una cache locale con l’elenco dei pacchetti. Per aggiornare questa cache,utilizzeremo il comando

[email protected]: -/Scaricati/# apt-get update

Il sistema si colleghera’ ad internet e scarichera’ le ultime versioni dei pacchetti gia esistenti.

Vediamo ora di installare un nuovo software.Ad esempio Virtual Box.

[email protected]: -/Scaricati/# apt-get install virtualbox

Possiamo anche svolgere una simulazione di installazione per vedere che questa vada a buon fine e non crei problemi

[email protected]: -/Scaricati/# apt-get -s install virtual box

Si procede in tal senso ad una installazione fittizia, non reale, ma cio’ fornisce come risposta di eventuali errori o problemi di una installazione reale.

Unìaltra opzione e’ ad esempio la possibilita’ di scaricare il pacchetto di installazione per poi andarlo a installare diversamente, ad esempio manualmente.

[email protected]: -/Scaricati/# apt-get install -d virtualbox

Cosi facendo si eseguiraì solo il download del pacchetto non la siua successiva installazione. I pachetti intal senso sono scaricati nella

[email protected]: -/Scaricati/# ls /var/cache/apt/archives

In tale posizione potremo trovare i pacchetti che abbiamo appena scaricato e anche i pacchetti che sono stati scaricati per fare l’upgrade all’ultima versione

Ora
[email protected]: -/Scaricati/#ls /var/cache/apt/archives/ |grep virtualbox

quindi si potrebbe eseguire anche
[email protected]: -/Scaricati/# dpkg -i /var/cache/apt/archives/virtualbox_4.3..28 dfsg-lkalil+h1_amd64.deb

C’erano inoltre un totale dei pacchetti all’interno della vca di apt

Con il comando
[email protected]: apt-get clean
[email protected]: -/Scaricati/# du -sh /var/cache/apt/archives

Per un tot di 437 M. che poi accumulando diventano veramente una dimensione raguardevole.
Possiamo usare il comando:

[email protected]: -/Scaricati/# apt-get clean

Per eliminare tutti i file di cache . Verifichiamo che tutto sia andato nel corretto modo digitando:

[email protected]: -/Scaricati/# du-sh /var/cache/apt/archives
16K /var/cache/apt/archives
[email protected]: -/Scaricati/#

Ci sono solo 16 k e infatti la cartella e’ vuota.

[email protected]: -/Scaricati/# apt
lock partial

Pereliminare automaticamente le dipendenze e solo quelle che hanno a che fare con il programma che andremo a disinstallare si puo’ procedere con auto remove.

[email protected]: -/Scaricati/#apt -get autoremove virtualbox

/ 5
Grazie per aver votato!

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?