Nagios: caratteristiche e funzionalità

4 / 100
()

Il software esegue controlli periodici su tutti quelli che sono i parametri critici relativi ad applicazioni, reti e server.

Il sistema, ad esempio, può monitorare:

  • l’utilizzo della memoria
  • l’utilizzo del disco
  • il carico del microprocessore
  • il numero di processi attualmente in esecuzione
  • i file di registro

Può anche monitorare servizi come SMTP (Simple Mail Transfer Protocol), POP3 (Post Office Protocol 3), Hypertext Transfer Protocol (HTTP) e altri protocolli di rete comuni. I controlli attivi vengono avviati da Nagios, mentre i controlli passivi provengono da applicazioni esterne collegate allo strumento di monitoraggio.

Cronistoria e sviluppo

Originariamente chiamato NetSaint e rilasciato nel 1999, Nagios è stato sviluppato dal programmatore statunitense Ethan Galstad (attualmente CEO della società Nagios omonima nonché founder di Zero to Hero) e successivamente perfezionato da numerosi collaboratori in quanto progetto open source. Nagios Enterprises, in dettaglio, è una società basata sulla tecnologia Nagios Core e offre numerosi prodotti, come XI, Log Server, Network Analyzer e Fusion.

Qual è il codice di programmazione di Nagios

Un utente può scegliere di lavorare utilizzando l’interfaccia della riga di comando (CLI) o selezionare un’interfaccia utente grafica (GUI) basata su Web che è presente in alcune versioni di Nagios e di tool sviluppati da terze parti. La dashboard di Nagios offre una panoramica dei parametri critici monitorati sugli asset.

Sulla base dei parametri e delle soglie definite, Nagios può inviare avvisi se vengono raggiunti livelli critici. Queste notifiche possono essere inviate in diversi modi, tra cui e-mail e messaggi di testo. Un sistema di autorizzazione consente anche all’amministratore di limitare l’accesso a queste notifiche.

Configurazioni con o senza agenti: funzioni e plug in

Agenti indipendenti vengono installati su qualsiasi sistema hardware o software per raccogliere dati che vengono poi riportati al server di gestione. Il monitoraggio senza agente utilizza i protocolli esistenti per emulare un agente. Entrambi gli approcci possono monitorare l’utilizzo del file system, le metriche del sistema operativo, gli stati dei servizi e dei processi e altro ancora. Esempi di agenti Nagios includono:

  • Nagios Remote Data Processor (NRDP)
  • Nagios Cross Platform Agent (NCPA)
  • NSClient ++

Il software esegue configurazioni basate su agenti e senza agenti.

A differenza di molti programmi di monitoraggio, infatti, questo software non possiede alcun meccanismo proprio per verificare lo status dei sistemi e dei servizi di rete. A farsene carico sono i plug-in. Queste estensioni, chiamate anche moduli, sono file già compilati (scritti, ad esempio, in C o C++) o script eseguibili, contenenti argomenti sulla riga dei comandi (command line argument), che gestiscono il rispettivo controllo e trasmettono i risultati al software di monitoraggio. Sarà Nagios ad occuparsi poi dell’esecuzione.

Di conseguenza i plug-in agiscono come livello di astrazione tra la logistica di monitoraggio, i servizi e l’host. Il vantaggio? Che questa soluzione è in grado di controllare tutto quanto può essere programmato attraverso un processo di verifica automatico.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?