Principali comandi di Emacs

()

Undo

CTRL-x u oppure   CTRL-_ Salva il file

CTRL-x CTRL-s  Salva con nome diverso

CTRL-x CTRL-w nome  Apre un nuovo file

CTRL-x CTRL-f nome  Inserisce un file

CTRL-x i nome   Passa ad un altro buffer

CTRL-x b  Chiude un buffer

CTRL-x k  Divide la finestra in due

CTRL-x 2  Passa da una metà all’altra

CTRL-x o  Riunifica la finestra

CTRL-x 1  Refresh della finestra

CTRL-l  Quit da emacs

CTRL-x CTRL-c  Cursore a fine riga

CTRL-e  Cursore a inizio riga

CTRL-a  Cursore giù una pagina

CTRL-v Cursore su una pagina

ESC v Inizio del buffer

ESC < Fine del buffer

ESC > Vai alla linea…

ESC x goto-line numero Cerca testo

CTRL-s testo  Sostituisce testo

ESC % testo1 testo2

Marca inizio di un blocco  CTRL-SPACE

Marca fine blocco e taglia   CTRL-w

Marca fine blocco e copia   ALT-w

Incolla blocco    CTRL-y

Pagina di aiuto  CTRL-h CTRL-h

Significato di un tasto CTRL-h k tasto

Significato di tutti i tasti CTRL-h b

Interrompe comandi complessi  CTRL-g

Apre una shell dentro emacs   ESC x shell

Aiuto psicologico  ESC x doctor

Torri di Hanoi   ESC x hanoi

Il comportamento di emacs è altamente configurabile, tramite istruzioni (in un dialetto del Lisp) che vanno inserite nel file ~/.emacs. Alcune configurazioni che consiglio sono le seguenti:

(line-number-mode t)
(column-number-mode t)
(global-set-key “\C-cg” ‘goto-line)
(standard-display-european t)
(if (eq window-system ‘x) (load-library “hilit19″))
Le prime due istruzioni dicono ad emacs di visualizzare nella barra in basso il numero di linea e di colonna in cui si trova il cursore (molto utile quando si cerca un errore segnalato dal compilatore). La terza linea abbrevia il comando “goto-line” con la sequenza di tasti CTRL-c g. La quarta linea serve per far visualizzare correttamente i caratteri accentati. La quinta abilita la sintassi colorata quando emacs è usato sotto X (per `colorare’ il testo basta fare CTRL-l).

Per copiare un blocco di testo, andare all’inizio e battere CTRL-SPACE, spostare il cursore alla fine del blocco e battere CTRL-w (che effettua il cut del testo) oppure ALT-w (che effettua il copy). Per far riapparire il testo (anche più volte) battere CTRL-y (paste, detto yank dai creatori di emacs).

Se si edita un file il cui nome finisce per “.c”, emacs entra automaticamente in “C mode” (si può forzare questo modo digitando ESC x c-mode). In questo modo di funzionamento, il tasto TAB indenta automaticamente la linea attuale, coerentemente con la sintassi C. Questo è spesso un aiuto per individuare, prima ancora della compilazione, alcuni semplici errori di sintassi.

Nota per chi non usa Xwindow: chi preferisce non utilizzare X ma lavorare in ambiente testo non deve mettere il simbolo & quando lancia emacs. Poi può uscire da Emacs con CTRL-z (dopo aver salvato con CTRL-x CTRL-s), e rientrarci dalla shell con il comando fg. Questo è molto più veloce che uscire e rientrare normalmente perché si limita a sospendere il processo Emacs.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?