Sysstat: Strumento di monitoraggio delle prestazioni per Linux

17 / 100

Sysstat è davvero uno strumento utile che viene fornito con una serie di utilità per monitorare le risorse di sistema, le loro prestazioni e le attività di utilizzo. Il numero di utilità che tutti usiamo nelle nostre basi quotidiane viene fornito con il pacchetto sysstat. Fornisce inoltre lo strumento che può essere programmato utilizzando cron per raccogliere tutti i dati sulle prestazioni e sull’attività.

Di seguito è riportato l’elenco degli strumenti inclusi nei pacchetti sysstat.

Funzionalità Sysstat

  1. iostat : riporta tutte le statistiche sulla CPU e le statistiche I/O per i dispositivi I/O.
  2. mpstat : Dettagli sulle CPU (singole o combinate).
  3. pidstat : Statistiche su processi/attività in esecuzione, CPU, memoria ecc.
  4. sar : Salva e riporta i dettagli sulle diverse risorse (CPU, Memoria, IO, Rete, kernel ecc.).
  5. sadc : raccoglitore di dati sull’attività del sistema, utilizzato per raccogliere dati nel backend per sar.
  6. sa1 : recupera e archivia i dati binari nel file di dati sadc. Questo è usato con sadc.
  7. sa2 : Report giornaliero di sintesi da utilizzare con sar.
  8. Sadf : Utilizzato per visualizzare i dati generati da sar in diversi formati (CSV o XML).
  9. Sysstat : pagina man per l’utilità sysstat.
  10. nfsiostat-sysstat : statistiche I/O per NFS.
  11. cifsiostat : Statistiche per CIFS.

Recentemente, il 17 giugno 2014, è stato rilasciato Sysstat 11.0.0 (versione stabile) con alcune nuove interessanti funzionalità come segue.

Il comando pidstat è stato migliorato con alcune nuove opzioni: la prima è ” -R ” che fornirà informazioni sulla priorità dei criteri e della pianificazione delle attività. E il secondo è ” -G ” che possiamo cercare processi con nome e per ottenere l’elenco di tutti i thread corrispondenti.

Alcuni nuovi miglioramenti sono stati apportati a sar, sadc e sadf per quanto riguarda i file di dati: Ora i file di dati possono essere rinominati usando ” saYYYYMMDD ” invece di ” saDD ” utilizzando l’opzione -D e possono essere posizionati in una directory diversa da ” /var/ log/sa ”. Possiamo definire una nuova directory impostando la variabile ” SA_DIR “, che viene utilizzata da sa1 e sa2.

Installazione di Sysstat in Linux

Il pacchetto ‘ Sysstat ‘ è disponibile anche per l’installazione dal repository predefinito come pacchetto in tutte le principali distribuzioni Linux. Tuttavia, il pacchetto disponibile dal repository è una versione un po’ vecchia e obsoleta. Quindi, questo è il motivo, qui scarichiamo e installiamo l’ultima versione di sysstat (cioè la versione 11.0.0 ) dal pacchetto sorgente.

Prima scarica l’ultima versione del pacchetto sysstat usando il seguente link oppure puoi anche usare il comando wget per scaricare direttamente sul terminale.

  1. https://github.com/sysstat/sysstat
# wget https://github.com/sysstat/sysstat/archive/refs/tags/v12.5.4.tar.gz
Scarica il pacchetto Sysstat
Scarica il pacchetto Sysstat

Quindi, estrai il pacchetto scaricato e vai all’interno di quella directory per iniziare il processo di compilazione.

# tar -xvf v12.5.4.tar.gz 
# cd sysstat-12.5.4

Qui avrai due opzioni per la compilazione:

un). In primo luogo, puoi usare iconfig (che ti darà flessibilità per scegliere/inserire i valori personalizzati per ogni parametro).

# ./iconfig
Comando Sysstat iconfig
Comando Sysstat iconfig

B). In secondo luogo, è possibile utilizzare il comando configure standard per definire le opzioni in una singola riga. Puoi eseguire il comando ./configure –help per ottenere un elenco di diverse opzioni supportate.

# ./configure --help
Sysstat Configura Aiuto
Sysstat Configura Aiuto

Qui, stiamo andando avanti con l’opzione standard, ad esempio il comando ./configure per compilare il pacchetto sysstat.

# ./configure
# fare
# effettuare l'installazione		
Configura Sysstat in Linux
Configura Sysstat in Linux

Al termine del processo di compilazione, vedrai l’output simile a quello sopra. Ora, verifica la versione di sysstat eseguendo il comando seguente.

# mpstat -V

sysstat versione 11.0.0
(C) Sebastien Godard (sysstat <at> orange.fr)

Aggiornamento di Sysstat in Linux

Per impostazione predefinita, sysstat usa ” /usr/local ” come directory del prefisso. Quindi, tutti i binari/utilità verranno installati nella directory ” /usr/local/bin “. Se hai installato un pacchetto sysstat esistente, questi saranno presenti in ” /usr/bin “.

A causa del pacchetto sysstat esistente, non otterrai la tua versione aggiornata riflessa, perché la tua variabile ” $PATH ” non ha ” /usr/local/bin set”. Quindi, assicurati che “/usr/local/bin” esista lì nel tuo “$PATH” o imposta l’ opzione -prefix su ” /usr ” durante la compilazione e rimuovi la versione esistente prima di iniziare l’aggiornamento.

# yum remove sysstat [Su sistema basato su RedHat ]
# apt-get remove sysstat [Su sistemi basati su Debian ]
# ./configure --prefix=/usr
# fare
# effettuare l'installazione

Ora di nuovo, verifica la versione aggiornata di sysstat usando lo stesso comando ‘mpstat’ con l’opzione ‘-V’.

# mpstat -V

sysstat versione 11.0.0
(C) Sebastien Godard (sysstat <at> orange.fr)

Riferimento : per ulteriori informazioni, consultare la documentazione Sysstat

Questo è tutto per ora, nel mio prossimo articolo, mostrerò alcuni esempi pratici e usi del comando sysstat, fino ad allora resta sintonizzato sugli aggiornamenti e non dimenticare di aggiungere i tuoi preziosi pensieri sull’articolo nella sezione commenti qui sotto.