BSOD SOLUTION

19 / 100

DISCLAIMER : Respingiamo qualsiasi responsabilità per i risultati delle azioni risultanti dal contenuto qui sopra indicato; esegui le seguenti operazioni a tuo rischio.

Passaggio 1: Riparazione delle voci del Registro di sistema associate all’errore 0x

Per riparare manualmente il registro di sistema di Windows, devi innanzitutto creare un backup esportando una porzione del registro di sistema relativa a … (ad esempio Windows Operating System):

  1. Clicca sul pulsante Start.
  2. Digita “command” nella casella di ricerca… NON premere ancora INVIO!
  3. Tenendo premuto CTRL-Shift sulla tastiera, premi INVIO.
  4. Apparirà una finestra di dialogo Autorizzazioni.
  5. Clicca su .
  6. Con cursore lampeggiante, si aprirà un black box.
  7. Digita “regedit” e premi INVIO.
  8. Nell’Editor del Registro di sistema, seleziona la chiave relativa a Errore 0x1 (ad esempio Windows Operating System) di cui vuoi eseguire un backup.
  9. Dal menu File, seleziona Esportazione.
  10. Nell’elenco Salva in, seleziona la cartella in cui vuoi salvare la chiave di backup di Windows Operating System.
  11. Nella casella Nome file, digita un nome per il tuo file di backup, ad esempio “Backup Windows Operating System”.
  12. Nella casella Intervallo di esportazione, assicurati che sia selezionato quel “Branch selezionato“.
  13. Clicca su Salva.
  14. Il file viene poi salvato con un’estensione file .reg.
  15. Hai ora un backup della voce del registro di sistema relativa a .

I passaggi successivi per la modifica manuale del registro di sistema non saranno discussi nel presente articolo a causa dell’alto rischio di danneggiamento del sistema. Se desideri saperne di più sulla modifica manuale del registro di sistema, consulta i link seguenti.

Passaggio 2: Esegui una scansione malware completa del tuo PC

A causa delle carenze dello strumento Pulizia disco di Windows (cleanmgr), si consiglia vivamente di utilizzare un software specializzato per la pulizia del disco rigido e la protezione della privacy per pulire l’intero computer.

Come eseguire la Pulizia disco (cleanmgr) (Windows XP, Vista, 7, 8 e 10):

  1. Clicca sul pulsante Start.
  2. Digita “command” nella casella di ricerca… NON premere ancora INVIO!
  3. Tenendo premuto CTRL-Shift sulla tastiera, premi INVIO.
  4. Apparirà una finestra di dialogo Autorizzazioni.
  5. Clicca su .
  6. Con cursore lampeggiante, si aprirà un black box.
  7. Digita “cleanmgr” e premi INVIO.
  8. La Pulizia disco comincerà calcolando quanto spazio occupato sul disco puoi riutilizzare.
  9. La finestra di dialogo di Pulizia disco apparirà con una serie di caselle di controllo selezionabili. Nella maggioranza dei casi, la categoria “File temporanei” occuperà la maggior parte dello spazio del disco.
  10. Seleziona le caselle delle categorie che vuoi pulire e clicca su OK.

Passaggio 3: Elimina gli elementi inutili (file e cartelle temporanei) con la Pulizia disco (cleanmgr)

A causa delle carenze dello strumento Pulizia disco di Windows (cleanmgr), si consiglia vivamente di utilizzare un software specializzato per la pulizia del disco rigido e la protezione della privacy per pulire l’intero computer.

In qualità di Microsoft Silver Partner, forniamo software che possono aiutarti nella pulizia dei file temporanei:

Come eseguire la Pulizia disco (cleanmgr) (Windows 7, 8 e 10):

  1. Clicca sul pulsante Start.
  2. Digita “command” nella casella di ricerca… NON premere ancora INVIO!
  3. Tenendo premuto CTRL-Shift sulla tastiera, premi INVIO.
  4. Apparirà una finestra di dialogo Autorizzazioni.
  5. Clicca su .
  6. Con cursore lampeggiante, si aprirà un black box.
  7. Digita “cleanmgr” e premi INVIO.
  8. La Pulizia disco comincerà calcolando quanto spazio occupato sul disco puoi riutilizzare.
  9. La finestra di dialogo di Pulizia disco apparirà con una serie di caselle di controllo selezionabili. Nella maggioranza dei casi, la categoria “File temporanei” occuperà la maggior parte dello spazio del disco.
  10. Seleziona le caselle delle categorie che vuoi pulire e clicca su OK.

Passaggio 4: Aggiorna i driver di dispositivo del tuo PC

Gli errori possono essere relativi a driver di dispositivo corrotti od obsoleti. I driver possono funzionare un giorno e smettere improvvisamente di funzionare il giorno seguente, per varie ragioni. La buona notizia è che puoi spesso aggiornare il driver del dispositivo per correggere il problema Errore 0x…..

Trovare l’esatta posizione del driver per il tuo dispositivo hardware basato su 0x1 può essere estremamente difficile, persino direttamente sul Microsoft Corporation o sito web del relativo produttore. Anche se hai esperienza nel trovare, scaricare e aggiornare manualmente i driver, il processo può comunque essere molto laborioso e irritante. Installare il driver sbagliato, o semplicemente una versione incompatibile del driver corretto, può persino peggiorare i tuoi problemi.

A causa della durata e della complessità dell’aggiornamento dei driver, si consiglia vivamente di utilizzare un software per l’aggiornamento dei driver. Uno strumento di aggiornamento del driver ti garantisce di avere la corretta versione dei driver per il tuo hardware e crea anche un backup dei driver correnti prima di apportare eventuali modifiche. Il mantenimento di un backup dei driver ti fornisce la sicurezza di sapere che è possibile eseguire il ripristino di qualsiasi driver a una versione precedente (se necessario).

Passaggio 5: Usa il Ripristino configurazione di sistema di Windows per “annullare” le modifiche recenti al sistema

Per usare Ripristino configurazione di sistema (Windows7, 8 e 10):

  1. Clicca sul pulsante Start.
  2. Nella casella di ricerca, digita “Ripristino configurazione di sistema” e premi INVIO.
  3. Nei risultati, clicca su Ripristino configurazione di sistema.
  4. Inserisci una password amministratore (se richiesta).
  5. Segui i passaggi della Procedura guidata per selezionare un punto di ripristino.
  6. Ripristina il tuo computer.

Passaggio 6: Disinstalla e Reinstalla il Programma Windows Operating System associato a Windows Operating System

Se il tuo errore dipende da un programma specifico, reinstallare il software relativo a Windows Operating System potrebbe essere la soluzione.

Istruzioni per Windows 7 :

  1. Apri programmi e funzionalità cliccando il pulsante Start.
  2. Clicca su Pannello di controllo nella parte destra del menu.
  3. Clicca su Programmi.
  4. Clicca su Programmi e funzionalità.
  5. Cerca Windows Operating System sotto la colonna del nome.
  6. Clicca per accedere a Windows Operating System.
  7. Clicca sul pulsante Disinstalla sulla striscia del menu.
  8. Segui le indicazioni a video per completare la disinstallazione di %%product_name%%.

Istruzioni per Windows 8:

  1. Porta il cursore nella parte dello schermo in basso a sinistra per visualizzare l’icona del Menu Start.
  2. Clicca con il tasto destro per far venire fuori il Menu Start.
  3. Clicca su Programmi e funzionalità.
  4. Cerca Windows Operating System sotto la colonna del nome.
  5. Clicca per accedere a Windows Operating System.
  6. Clicca sul pulsante Cambia/Disinstalla sulla striscia del menu.
  7. Segui le indicazioni a video per completare la disinstallazione di %%product_name%%.

Dopo aver disinstallato con successo il programma associato a (ad esempio Windows Operating System), reinstallalo secondo le istruzioni di Microsoft Corporation.

Passaggio 7: Esegui il Controllo file di sistema di Windows (“sfc /scannow”)

Il Controllo file di sistema è uno strumento utile fornito con Windows che ti permette di controllare e ripristinare i danneggiamenti dei file di sistema di Windows (tra cui quelli relativi a APC_INDEX_MISMATCH).

Per eseguire il Controllo file di sistema (Windows XP, Vista, 7, 8 e 10):

  1. Clicca sul pulsante Start.
  2. Digita “command” nella casella di ricerca… NON premere ancora INVIO!
  3. Tenendo premuto CTRL-Shift sulla tastiera, premi INVIO.
  4. Apparirà una finestra di dialogo Autorizzazioni.
  5. Clicca su .
  6. Con cursore lampeggiante, si aprirà un black box.
  7. Digita “sfc /scannow” e premi INVIO.
  8. Il Controllo file di sistema inizierà verificando eventuali problemi relativi a Errore 0x1 e altri file di sistema (attendere: la scansione del sistema potrebbe richiedere un po’ di tempo).
  9. Segui i comandi sullo schermo.

Passaggio 8: Installa tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili

Microsoft aggiorna e migliora costantemente i file di sistema di Windows che potrebbero essere associati a ….. A volte, i problemi Blue Screen Errors potrebbero essere risolti semplicemente aggiornando Windows con l’ultimo Service Pack o altra patch che Microsoft rilascia regolarmente.

Per controllare gli Aggiornamenti di Windows (Windows XP, Vista, 7, 8 e 10):

  1. Clicca sul pulsante Start.
  2. Digita “aggiornamento” nella casella di ricerca e premi INVIO.
  3. Apparirà la finestra di dialogo Windows Update.
  4. Se sono disponibili degli aggiornamenti, clicca sul pulsante Installa aggiornamenti.

Passaggio 9: Verifica un eventuale danneggiamento del disco rigido (“chkdsk /f”)

Sebbene la maggior parte sia relativa all’archiviazione, le schermate blu di 0x1 sono causate da problemi con i driver del disco rigido o i controller di archiviazione; in alcuni casi questi BSOD possono essere attribuiti a un danneggiamento del disco rigido.

Col tempo, il tuo PC può sviluppare errori sul disco rigido dovuti a un uso improprio reiterato e involontario. Arresti impropri, programmi di “difficile chiusura”, installazione corrotta o incompleta di software (ad esempio Windows Operating System), errori hardware Microsoft Corporation e interruzioni dell’alimentazione possono corrompere il tuo file system e i dati memorizzati. Di conseguenza, potresti riscontrare schermate blu associate a …..

Microsoft ha aggiunto una comoda utilità chiamata “chkdsk” (“Controllo disco”) per verificare e riparare il danneggiamento del disco rigido. Se i precedenti passaggi di risoluzione problemi non hanno risolto il tuo errore IRREVERSIBILE 0x1, l’esecuzione di “chkdsk” potrebbe scoprire e riparare la causa del BSOD.

Come eseguire “chkdsk” (Windows7, 8 e 10):

  1. Clicca sul pulsante Start.
  2. Digita “command” nella casella di ricerca… NON premere ancora INVIO!
  3. Tenendo premuto CTRL-Shift sulla tastiera, premi INVIO.
  4. Apparirà una finestra di dialogo Autorizzazioni.
  5. Clicca su .
  6. Con cursore lampeggiante, si aprirà un black box.
  7. Digita “chkdsk” e premi INVIO.
  8. chkdsk” inizierà verificando un’eventuale corruzione del disco rigido che potrebbe essere all’origine degli errori IRREVERSIBILI di0x1.
  9. Segui i comandi sullo schermo.

Lista completa di comandi “chkdsk” (Solo per utenti PC avanzati):

  1. /F – Scansiona e corregge gli errori sul disco.
  2. /V – Visualizza ogni nome di file in ciascuna cartella mentre il disco viene scansionato.
    • FAT/FAT32 Drive: Questo visualizzerà il percorso completo e il nome di ogni file sul disco.
    • NTFS Drive: Visualizza messaggi di pulizia.
  3. /R – Questo comando individua settori difettosi e recupera informazioni leggibili (assume /F).
  4. /L:size (solo NTFS) – Questo comando modifica la dimensione del file di registro al numero di kilobytes specificato. Visualizzerà la dimensione corrente se la dimensione non è specificata.
  5. /X – Se è necessario, costringe il volume a calare per primo. Tutte le maniglie aperte sul volume sarebbero quindi invalide (assume /F).
  6. /I (solo NTFS) – Esegue un controllo meno rigoroso delle voci dell’indice.
  7. /C (solo NTFS) – Salta il controllo dei cicli dentro alla struttura della cartella.
  8. /B (solo NTFS) – Rivaluta i cluster difettosi del disco rigido sul volume (assume /F).

Passaggio 10: Verifica un eventuale danneggiamento della tua memoria (RAM)

A volte, le schermate blu relative all’hardware possono essere dovute a un danneggiamento della memoria (RAM). Se si verificano riavvii del computer casuali, se ricevi segnali acustici all’avvio o altri arresti anomali del computer (oltre agli errori BSOD 0x1), è probabile che la memoria sia corrotta. Infatti, circa il 10% degli arresti anomali delle applicazioni su Windows è dovuto a un danneggiamento della memoria.

Se hai appena aggiunto una nuova memoria al computer, è consigliabile rimuoverla temporaneamente per assicurarti che non sia la causa dell’errore. Se questa operazione risolve il BSOD, è questa la fonte del problema e, quindi, la nuova memoria è incompatibile o danneggiata. In questo caso, dovrai sostituire i moduli della nuova memoria.

Se non hai aggiunto nessuna nuova memoria, il passaggio successivo è di eseguire una prova diagnostica sulla memoria esistente del tuo computer. Un test di memoria verificherà eventuali errori della memoria ed errori intermittenti, ognuno dei quali potrebbe essere all’origine della schermata blu 0x1.

Sebbene le ultime versioni di Windows includano lo Strumento di diagnostica memoria Windows, è fortemente consigliabile utilizzare Memtest86 al suo posto. Memtest86 è un software per il controllo della memoria basato sul BIOS, diverso da altri programmi di test che devono essere eseguiti su Windows. Il vantaggio è che ti permette di controllare TUTTA la memoria per verificare la presenza di errori, mentre gli altri programmi non controllano la sezione di memoria occupata dal software stesso, dal sistema operativo e da altri programmi in esecuzione.

Memtest86

Come eseguire Memtest86 per verificare un’eventuale danneggiamento della memoria all’origine di errori IRREVERSIBILI 0x1:

  1. Prendi un’unità flash USB non utilizzata e connettila al PC.
  2. Scarica l’immagine USB MemTest86 Windows.
  3. Fai clic con il pulsante destro del mouse sul file di immagine e seleziona l’opzione “Estrai qui“. Estrai la cartella di file dove puoi raggiungerla facilmente (ad esempio sul Desktop).
  4. All’interno della cartella estratta, esegui lo strumento imageUSB fornito e seleziona l’unità USB collegata per trasformarla in un’unità avviabile. ATTENZIONE: questa operazione cancellerà tutti i dati sull’unità USB.
  5. Memtest86 sarà ora installato sulla tua USB e così sarai pronto a verificare eventuali fonti di errori 
  6. Riavvia il tuo PC con l’unità USB installata.
  7. Memtest86 inizierà a verificare un eventuale danneggiamento della memoria.
  8. Segui i comandi sullo schermo.

Se tutti i suddetti passaggi non hanno avuto successo e Memtest86 rileva un danneggiamento della memoria, è altamente probabile che la schermata blu sia dovuta a una memoria danneggiata. In questo caso, dovrai sostituire la memoria danneggiata per risolvere i BSOD 0x1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »