Crea sito
22 Ottobre 2020

Officine Informatiche Roma

ICT SERVICES ROMA – BAZAAR INFORMATICO

Il modello ISO OSI

2 / 100

I 7 livelli del modello ISO/OSI

Il modello OSI (acronimo di Open Systems Interconnection, conosciuto anche come modello ISO/OSI), in telecomunicazioni e informatica, è uno standard stabilito nel 1984 dall’International Organization for Standardization (ISO), il principale ente di standardizzazione internazionale, il quale sentì la necessità[1] di produrre una serie di norme tecniche per legge per reti di calcolatori avviando il progetto per la definizione di un modello di riferimento a formato aperto per l’interconnessione di sistemi di computer (Basic Reference Model o standard ISO 7498).

Tale modello stabilisce per l’architettura logica di rete, ovvero per le funzioni di comunicazione delle telecomunicazioni o di sistemi informatici, una struttura a strati composta da una pila di protocolli di comunicazione di rete suddivisa in 7 livelli, i quali insieme eseguono tutte le funzionalità della rete, seguendo un modello logico-gerarchico. A livello implementativo lo standard de facto affermatosi per architetture di rete a livelli è invece il TCP/IP

Il modello ISO/OSI, concepito per reti di telecomunicazioni a commutazione di pacchetto, è costituito da una pila (o stack) di protocolli attraverso i quali viene ridotta la complessità implementativa di un sistema di comunicazione per il networking. In particolare ISO/OSI è costituito da strati (o livelli), i cosiddetti layer, che definiscono e racchiudono in sé a livello logico uno o più aspetti fra loro correlati della comunicazione fra due nodi di una rete. I layer sono in totale 7 e vanno dal livello fisico (quello del mezzo fisico, ossia del cavo, delle onde radio, fibra ottica o qualsiasi altro sistema trasmissivo) fino al livello delle applicazioni, attraverso cui si realizza la comunicazione di alto livello[1].

Ogni layer individua un protocollo di comunicazione del livello medesimo. ISO/OSI realizza una comunicazione per livelli, cioè dati due nodi A e B, il livello n del nodo A può scambiare informazioni col livello n del nodo B, ma non con gli altri. Ogni livello in trasmissione realizza la comunicazione col livello corrispondente sui nodi di transito o destinatari usando il SAP (service access point) del livello immediatamente sottostante. Sicché ISO/OSI incapsula i messaggi di livello n in messaggi del livello n-1. Così se A deve inviare, ad esempio, una e-mail a B, l’applicazione (liv. 7) di A propagherà il messaggio usando il layer sottostante (liv. 6) che a sua volta userà il SAP del layer inferiore, fino ad arrivare alla comunicazione ovvero alla trasmissione sul canale o mezzo fisico trasmissivo.

In tal modo si realizza una comunicazione multilivello che consente, ad esempio, di implementare algoritmi diversi per l’instradamento in rete pur disponendo di protocolli di trasporto connessi e scegliere ed adattare protocolli e relativi algoritmi alla particolare rete di telecomunicazioni da realizzare. Tutto ciò conferisce modularità al sistema con maggiore semplicità di progettazione e gestione della rete ovvero possibilità di migliorare, sviluppare e dunque eventualmente sostituire i protocolli dei vari strati cioè implementare e reimplementare con dei protocolli ciascuna delle rispettive funzionalità logiche lasciando inalterate le funzioni altrui.

Al fine di ottenere un miglioramento dell’attuale modello può risultare interessante la possibilità di trarre vantaggio da uno scambio di informazioni nell’ambito della stessa pila protocollare, tra gli strati non adiacenti. Questa possibilità prende il nome di Cross-Layer (CL) ed è interessante soprattutto nelle comunicazioni radio per la natura stessa variabile del mezzo trasmissivo; sta riscuotendo un notevole interesse negli ultimi anni soprattutto per la riduzione dei consumi di energia nelle comunicazioni Wireless. L’idea fondamentale del concetto Cross-layer è di introdurre la capacità, nei vari protocolli di comunicazione, di scambiarsi informazioni per adattarsi agli specifici stati del collegamento della rete. A differenza del modello OSI classico, non si vogliono più prendere solo delle contromisure preventive o meccanismi di controllo successivi ad un determinato evento verificatosi nella rete, bensì si cerca di decidere in modo interattivo con essa sfruttando le informazioni comuni a tutti gli strati.

You may also like

Cisco Network Troubleshooting – EIGRP – Lab 03
47:37
Posted on 10 Ottobre 2020 by Officine Informatiche Roma
Cisco Network Troubleshooting - EIGRP - Lab 03
5 views
Cisco Network Troubleshooting – Router Redundancy – Lab 02
29:48
Posted on 10 Ottobre 2020 by Officine Informatiche Roma
Cisco Network Troubleshooting - Router Redundancy - Lab 02
3 views
Cisco Network Troubleshooting – Spanning Tree – Lab 01
32:58
Posted on 10 Ottobre 2020 by Officine Informatiche Roma
Cisco Network Troubleshooting - Spanning Tree - Lab 01
5 views
Network Troubleshooting at the Command Line
18:45
Posted on 10 Ottobre 2020 by Officine Informatiche Roma
Network Troubleshooting at the Command Line Many network issues can be identified and resolved at the command line. In this video, you’ll learn [...]
5 views
NETWORKING : Come risolvere i problemi di rete in Win 10
1:42
Posted on 14 Ottobre 2020 by Officine Informatiche Roma
Come risolvere i problemi di rete in Win 10
3 views
Networking Command Line Tools
33:09
Posted on 10 Ottobre 2020 by Officine Informatiche Roma
In this video are displayed some command-line tools require the user to have administrator-level privileges on source and/or target computers. [...]
4 views
Reset BIOS – CMOS – BIOS Password
Posted on 14 Ottobre 2020 by Officine Informatiche Roma
Perché potrebbe essere necessario reimpostare CMOS o BIOS Le informazioni memorizzate nel BIOS (Basic Input/Output System), note anche come ESCD [...]
3 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Translate »