MODIFICA DI FILE E DIRECTORY

11 / 100

MODIFICA DI FILE E DIRECTORY

Una volta trovati i file e le directory, vorrai essere in grado di eseguire azioni
su di essi. In questa sezione, vedremo come creare file e directory, copiare file, rinominare i file ed eliminare file e directory.


Creazione di file

Esistono molti modi per creare file in Linux, ma per ora ne esamineremo solo due semplici metodi.

Il primo è cat, che è l’abbreviazione di concatenare, che significa combinare pezzi insieme (non un riferimento al tuo gatto domestico preferito).

Il comando cat è generalmente utilizzato per visualizzare il contenuto di un file, ma può anche essere utilizzato per creare piccoli file.

Per creare file più grandi, è meglio inserire il codice in un editor di testo come vim, emacs, leafpad, gedit o kate e quindi salvarlo come file.

Concatenazione con cat

Il comando cat seguito da un nome di file visualizzerà il contenuto di quel file, ma per creare un file, seguiamo il comando cat con un reindirizzamento, indicato con il simbolo >, e un nome per il file che vogliamo creare.

Ecco un esempio:

kali >cat > hackingskills

Hacking is the most valuable skill set of the 21st century!

Quando premi INVIO, Linux entrerà in modalità interattiva e aspetterà che tu inizi l’immissione del contenuto per il file. Questo può essere sconcertante perché il prompt scompare, ma se inizi semplicemente a digitare, qualunque cosa tu inserisca andrà nel file (in questo caso,
hackingskills ).

Ecco, sono entrato

Per uscire e tornare al prompt, premo CTRLD.

Poi, quando voglio vedere cosa c’è dentro hackingskills ,inserisco quanto segue:


kali>cat hackingskill

Hacking is the most valuable skill set of the 21st century!

Se non usi il simbolo di reindirizzamento, Linux restituirà il contenuto del tuo file. Per aggiungere o accodare più contenuto a un file, puoi usare il comando cat con un doppio redirect (>>), seguito da quello che vuoi aggiungere alla fine del file.

Ecco un esempio:

kali >cat>> hackingskill

Everyone should learn hacking

Linux torna in modalità interattiva, in attesa che il contenuto venga aggiunto al file. Quando digito, Everyone should learn hacking e premere CTRLD,

Sono tornato al prompt.

Ora, quando visualizzo il contenuto di quel file con cat, posso vedere che il file ha stato aggiunto con Everyone should learn hacking , come mostrato qui:

kali > hackingskill

Se voglio sovrascrivere il file con nuove informazioni, posso semplicemente usare il comando cat con un unico reindirizzamento di nuovo, come segue:

kali >cat > hackingskill

Everyone in IT security without hacking skills is in the dark

kali >cat hackingskill
Everyone in IT security without hacking skills is in the dark

Come puoi vedere qui, Linux entra in modalità interattiva, inserisco il nuovo testo e poi esco di nuovo al prompt. Quando uso nuovamente cat per vedere il contenuto del file, vedo che le mie parole precedenti sono state sovrascritte con il testo più recente.

Creazione di file con touch


Il secondo comando per la creazione di file è touch. Questo comando è stato originariamente sviluppato in modo che un utente possa semplicemente toccare un file per modificarne alcuni dettagli, come la data in cui era creato o modificato. Tuttavia, se il file non esiste già, questo comando crea quel file per impostazione predefinita.

Creiamo un nuovo file con touch :
kali > touch newfile

Ora quando uso ls –l per vedere la lunga lista della directory, vedo che un nuovo file ha stato creato chiamato newfile.

Nota che la sua dimensione è 0 perché non c’è contenuto in nuovo file.

Creazione di una directory mkdir

Il comando per creare una directory in Linux è mkdir, una contrazione di make directory.
Per creare una directory denominata newdirectory, immetti il ​​seguente comando:
kali > newdirectory mkdir
Per accedere a questa directory appena creata, inserisci semplicemente questo:
kali >cd newdirectory

Copiare un file cp

Per copiare i file, usiamo il comando cp. Questo crea un duplicato del file nella nuova posizione e lascia il vecchio al suo posto.

Qui creeremo il file oldfile nella directory principale con touch e lo copieremo in /root/newdirectory, rinominandolo nel processo e lasciando il vecchio file originale al suo posto:


kali > touch oldfile
kali >cp oldfile /root/newdirectory/newfile

Rinominare il file è facoltativo e si esegue semplicemente aggiungendo il nome che si desidera dargli alla fine del percorso della directory. Se non rinomini il file quando lo copi, il file manterrà il nome originale per impostazione predefinita.


Quando poi navighiamo su newdirectory, vediamo che c’è una copia esatta di oldfile chiamato nuovo file:
kali >cd newdirectory
kali >ls
newfile oldfile

Rinominare un file mv

Sfortunatamente, Linux non ha un comando inteso esclusivamente per rinominare un file, come Windows e alcuni altri sistemi operativi lo fanno, ma ha il comando mv (sposta).


Il comando mv può essere usato per spostare un file o una directory in una nuova posizione o semplicemente per dare un nuovo nome a un file esistente.

Per rinominare nuovofile in nuovofile2, dovresti quanto segue:
kali >mv newfile newfile2
kali >ls
oldfile newfile2
Ora quando elenchi (ls) quella directory, vedi nuovofile2 ma non nuovofile, perché ha stato rinominato. Puoi fare lo stesso con le directory.

Rimozione di un file rm

Per rimuovere un file, puoi semplicemente usare il comando rm, in questo modo:
kali >rm nuovofile2


Se ora fai un lungo elenco nella directory, puoi confermare che il file è stato rimosso..

Rimozione di una directory rmdir

Il comando per rimuovere una directory è simile al comando rm per rimuovere i file ma con dir (per directory) aggiunto, in questo modo:


kali >rmdir newdirectory

rmdir: impossibile rimuovere ‘newdirectory’: Directory non vuota


È importante notare che rmdir non rimuoverà una directory che non è vuota, ma lo farà darti un messaggio di avviso che la “directory non è vuota”, come puoi vedere in questo esempio. Devi prima rimuovere tutto il contenuto della directory prima di rimuoverla.

Questo per impedirti di eliminare accidentalmente oggetti che non avevi intenzione di eliminare.

Se vuoi rimuovere una directory e il suo contenuto tutto in una volta, puoi usare -r passandolo dopo rm, in questo modo:
kali >rm -r nuova directory


Solo una parola di cautela, però: fai attenzione a usare l’opzione -r con rm, almeno all’inizio, perché è molto facile rimuovere per errore file e directory importanti. Usando rm -r nella tua directory home, ad esempio, cancellerebbe ogni file e directory lì, e probabilmente
non e quello che che si desidera.